Internet advertising, nel 2018 il mercato vale 3 miliardi di euro. Il mobile diventerà il canale principale entro l’anno

Internet advertising, nel 2018 il mercato vale 3 miliardi di euro. Il mobile diventerà il canale principale entro l’anno_keyformat

Da segnalare la crescita del programmatic e del video, tra i formati display. Ma si evidenzia un problema di concentrazione: il 70% dei budget sono in mano a due soli operatori: Google e Facebook

 La pubblicità digitale in Italia dovrebbe crescere attorno ai 3 miliardi di euro quest’anno, grazie a un incremento dell’11-12% rispetto all’anno scorso. È quanto emerge dai dati presentati dall’Osservatorio Internet Media della School of Management del Politecnico di Milano in occasione del convegno “Internet Media, avanti tutta, ma avanti tutti?”. Titolo che sottolinea la situazione descritta dai numeri della ricerca, con un mercato del digital advertising iperconcentrato, con necessità di maggiori garanzie in tema di trasparenza e misurazione nei confronti degli investitori pubblicitari. “Gli OTT, in particolare si autocertificano e autocontrollano, imponendosi al mercato per la scala: per questo il settore ha bisogno di un ente terzo e di regole chiare ha dichiarato nel corso della presentazione della ricerca Andrea Lamperti, Direttore dell’Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano.

La fotografia del mercato

Dopo una ripresa del mercato Me- dia nel 2016 (Advertising + Contenuti), l’anno scorso il segmento ha registrato un andamento piuttosto stabile: -0,1% a 15,8 miliardi di euro. Tra i media tradizionali, a fronte di un calo della Televisione (-1%) e della Stampa (-6%), si segnala l’aumento della Radio (+5%). Gli Internet Media fanno invece segnare complessivamente un aumento del 14%: la componente legata alla vendita di contenuti Media online cresce infatti con percentuali più alte (+25%), ma in valore assoluto rimane ancora limitata, mentre l’advertising online cresce del 13% e rappresenta ancora il 93% di questo segmento (era il 94% nel 2016). Negli ultimi dieci anni, le posizioni di Stampa e Internet nel mercato pubblicitario si sono ribaltate (da una quota rispettivamente del 31% e del 10% nel 2008, oggi i due mezzi sono passati al 13% e al 34%), mentre nel 2017 la Tv tocca la sua quota minima.

Avanti tutta, non tutti

Non si ferma quindi la crescita del mercato degli Internet Media (advertising e pay) in Italia. La componente principale è sempre quella legata ai ricavi pubblicitari, che vale 2,68 miliardi di euro, in crescita del 13%, e rappresenta oltre un terzo dell’intero comparto pubblicitario italiano. Proprio questa componente, così rilevante per il settore, è però controllata nella sostanza da due attori: Google e Facebook. I due colossi americani, infatti, pesano oltre il 70% degli investimenti pubblicitari internet. Gli straordinari risultati ottenuti impongono però a questi attori un atteggiamento responsabile volto a garantire condizioni di corretto funzionamento della filiera soprattutto nei confronti delle aziende investitrici, e questo non sempre ancora avviene.

Video re dei formati 

Il Display advertising cresce del 18% e supera gli 1,6 miliardi di euro a valore, confermandosi la prima componente del mercato pubblicitario online (vale il 62%, contro il 59% nel 2016); tuttavia, l’incremento derivante dalla componente banneristica è decisamente inferiore (+6%) a quello proveniente dal Video (+36%). Con questi tassi di crescita, infatti, la parte Video raggiunge il 43% del totale Display advertising e ci si aspetta che il trend verrà confermato anche per il 2018, anche se a tassi inferiori. Nel 2017 il segmento video ha superato i 700 milioni di euro. L’incremento deriva, analogamente agli ultimi anni, dalle piattaforme di Video sharing e soprattutto dai Social network, che sempre più modellano la propria struttura per accogliere questi formati pubblicitari. La componente Video a fine 2017 arriva a pesare il 26% del totale internet advertising; confrontata con gli investimenti televisivi, ogni 100 euro destinati al piccolo schermo quasi 20 euro sono invece indirizzati ai Video online (erano solo 8 nel 2014). Anche se ancora irrisori come valore assoluto, è interessante citare gli investimenti, in logica di test, su formati innovativi come video verticali (diffusi in particolare su Instagram e Snapchat), video 360 gradi, formati di video interattivi con chatbot o che prevedono l’utilizzo di realtà aumentata.

Search, Classified ed Email 

L’acquisto di visibilità nei motori di ricerca (Search) vale circa 790 milioni di euro e registra una crescita più alta di quella dell’anno precedente (+8% rispetto al +4% del 2016). La quota di mercato, tuttavia, scende al 29% rispetto al 31% di 12 mesi fa; per il 2018 è prevista un’ulteriore crescita di questa componente, anche superiore a quella registrata fino ad oggi. Gli annunci su siti di compravendita o directory online (Classified) supera i 210 milioni di euro, in crescita del 7% rispetto al 2016. L’incremento è dovuto soprattutto ai portali verticali di annunci, in particolare nel settore automotive. La quota di mercato scende all’8% rispetto al 9% del 2016 e la crescita attesa per i prossimi 12 mesi è in linea con quella dell’ultimo anno. L’Email advertising rimane fermo a circa 30 milioni di euro. L’evoluzione della tecnologia sta cambiando le modalità di invio, sempre più verso target profilati, ma senza incrementarne la raccolta complessiva. Essendo un formato utilizzato in particolare dalle piccole e medie imprese (quasi mezzo milione di PMI b2c in Italia), il suo sviluppo è fortemente influenzato dal tasso di utilizzo di queste aziende.

Il mobile mette la freccia 

La raccolta pubblicitaria online suddivisa per device di fruizione mostra come il mondo Smartphone abbia ridotto, nell’ultimo anno, la distanza dalla componente Pc. Il peso dello Smartphone sul totale del mercato è infatti pari al 41% nel 2017 rispetto al 30% del 2016, mentre il peso del desktop è sceso al 54% rispetto al 65% del 2016. Il Tablet (solo App) rimane marginale, pari al 5% del totale. I due canali Mobile si avvicinano alla fatidica soglia del 50% del mercato e probabilmente la supereranno a fine 2018. La raccolta pubblicitaria su Smart Tv è al momento ancora residuale, ma si iniziano a registrare le prime attività in tale direzione legate a piattaforme di Addressable Tv. La crescita in valori assoluti dell’advertising su Smartphone è notevole: a fine 2017 ha raggiunto un valore di circa 1,1 milioni di euro, +56% rispetto al 2016. La percentuale di spesa delle aziende dedicata al Mobile si avvicina così sempre più alla quota del tempo di navigazione degli utenti su Smartphone (che come l’anno scorso resta di poco superiore al 60%). Nel 2018 queste dinamiche di pervasività continueranno: ci si attende un’ulteriore crescita della raccolta pubblicitaria sui Mobile device vicina al +30%. Il valore assoluto derivante dallo Smartphone potrebbe avvicinarsi moltissimo a quello derivante dal mondo Desktop.

Il programmatic verso quota 500 

Il mercato del Programmatic advertising in Italia a fine 2017 vale 409 milioni di euro, con una crescita del 30% rispetto al 2016. L’incidenza sul totale del Display advertising passa dal 23% al 25%, mentre quella sul totale Internet advertising dal 13% al 15%. Una forte spinta proviene soprattutto dagli spazi Video, che sono stati venduti in maniera importante anche su queste piattaforme, e che valgono circa il 35% del mercato. Per il 2018, il Programmatic incrementerà sicuramente la propria raccolta, ma con un tasso più contenuto difficilmente superiore al +20%, e il valore complessivo di questo mercato sfiorerà i 500 milioni di euro. Le imprese che hanno accumulato maggior esperienza nell’implementazione di iniziative di data driven advertising, anche attraverso le piattaforme in programmatic, lamentano la presenza di potenziali asimmetrie informative all’interno della filiera nella gestione dei dati.

Il problema della trasparenza

“In generale, la rilevanza ormai assunta dagli investimenti in Internet advertising nei budget delle imprese rende sempre più importante l’adozione di iniziative volte a favorire la trasparenza della filiera del dato e della sua gestione (data transparency). Permane ancora oggi una netta divergenza in termini di percezioni sul livello di trasparenza tra investitori in advertising e operatori della filiera, in particolare riguardo a temi come viewability, ad fraud prevention e brand safety” ha dichiarato Nicola Spiller, Direttore dell’Osservatorio Internet Media. In un momento quindi particolarmente importante per l’evoluzione delle prospettive dell’Internet advertising, vi sono temi molto rilevanti che devono essere ancora indirizzati al meglio e che attualmente rappresentano un ostacolo alla creazione di standard e currency condivise a livello di mercato.

Add a comment

*Please complete all fields correctly

Related Blogs

Osservatorio-ecommerce-b2c-keyformat
Posted by admin | 22 ottobre 2018
eCommerce B2c Italia: i dati di Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano
In collaborazione con Netcomm, i dati che presentano lo scenario dell’eCommerce B2c in Italia: settori in crescita, modalità di acquisto, Export e previsioni future. Quali sono i dati dell’ecommerce B2c...
ECOMMERCE, CRESCONO I SERVIZI A VALORE AGGIUNTO COME LA CONSEGNA AL PIANO, SERALE, E AL SABATO KEYFORMAT
Posted by admin | 2 ottobre 2018
eCommerce, crescono i servizi a valore aggiunto come la consegna al piano, serale, e al sabato
Sono le cosiddette operations a determinare il successo di un’iniziativa ecommerce per il loro impatto sulla user experience e sui costi Parafrasando un famoso commercial di qualche anno fa, si...
Iab-Europe--il-mercato-del-programmatic-europeo-vale-12-miliardi-di-euro-I-problemi-restano-gli-stessi-ma-non-frenano-la-crescita
Posted by admin | 17 settembre 2018
Iab Europe: il mercato del programmatic europeo vale 12 miliardi di euro. I problemi restano gli stessi ma non frenano la crescita
Mancanza di risorse e competenze, poca trasparenza e inventory di scarsa qualità sono elementi che spingono sempre più aziende a ricorrere al modello in-house Si è appena conclusa a Colonia,...