Le AMP, cosa sono e quali vantaggi hanno

Search Engine Marketing 26 Giugno 2020
Condividi sui Social

All’interno della pianificazione di una strategia SEO, è importante soffermarsi, tra le diverse possibili leve per migliorare il posizionamento di un sito, sul ruolo delle AMP e capirne importanza e potenzialità.

Partiamo prima di tutto dalla definizione di AMP: si tratta dell’acronimo di Accelerated Mobile Pages ed indica pagine rese più rapide per il traffico mobile, secondo precise norme di realizzazione che si discostano da quelle tradizionali. Il cosiddetto AMP Project nasce come iniziativa open source, quindi basata sulla condivisione e gratuità, per offrire gli strumenti utili a velocizzare il caricamento di pagine web su mobile e permettere una navigazione più scorrevole e proficua.

Nel 2015 Google ha iniziato a sponsorizzare questo progetto, con il proposito di aiutare il lavoro degli sviluppatori nel processo di ottimizzazione siti mobile. L’ambito di azione si è col tempo allargato, andando a comprendere tutti i tipi di pagine.

Quali sono le caratteristiche di una pagina AMP?

È una pagina strutturata secondo il linguaggio html AMP che, grazie alla modifica di alcuni tag, riesce ad essere più leggera a caricarsi più rapidamente, pur mantenendo ricchezza di contenuti, immagini e video.

Un elemento chiave di questa gestione è il Google AMP Cache, una rete di content delivery che carica e gestisce in automatico le pagine AMP html, con riduzione ulteriore dei tempi. Le pagine AMP si possono riconoscere dall’icona di un fulmine e sono per esempio molto utilizzate nei box delle Notizie Principali di Google, caratterizzate proprio dall’estrema velocità.

Proviamo ora a capire quanto un formato AMP possa influenzare il posizionamento nella Google SERP

Soprattutto a livello mobile, il motore di ricerca tende senza dubbio a premiare siti che utilizzano le AMP, che diventano quindi elementi indispensabili per incrementare il traffico organico. Non mancano altre conseguenze positive scaturite dal fatto che l’aumento della velocità di caricamento comporta un miglioramento generale delle performance del sito e una più immediata e comoda modalità di fruizione da parte dell’utente da mobile. Analisi specifiche hanno mostrato alcuni comportamenti ricorrenti che vengono facilitati dalle AMP, come una più lunga permanenza sul sito e un maggior numero di pagine visitate per singola sessione di navigazione. Questi tratti della user experience vengono con buone probabilità considerati da Google come fattori di ranking indiretti e contribuiscono a loro volta ad ottenere posizionamenti più elevati.

Offrire un’esperienza più veloce assume quindi un valore importante, soprattutto per un utente che sta ricercando informazioni tramite smartphone e che richiede un servizio snello e agile, che permetta di raggiungere l’obiettivo in poco tempo. L’alternativa è un rapido abbandono di sito e a lungo andare un generale senso di disaffezione a specifiche pagine o alla navigazione mobile.

In ottica di implementazione di traffico assume quindi rilevanza conoscere e utilizzare le AMP, considerando che ovviamente non sono in grado di risollevare un sito in caduta libera, ma possono rappresentare un utile tassello all’interno di un’attività SEO efficace ed articolata.

  • Tutti14
  • Branding2
  • Digital marketing3
  • Website & E-Commerce9
  • Social media marketing3
  • SEM-SEO-SEA10
  • Link Building3

  • Tutti14
  • Website & E-Commerce9
  • SEM-SEO-SEA10
  • Social media marketing3
  • Link Building3
  • Branding2
  • Digital marketing3