Usare Google Trends per una strategia di content Marketing

Search Engine Marketing 22 Maggio 2020
Condividi sui Social

All’interno di un piano marketing efficace, la redazione di contenuti ottimizzati in ottica SEO ricopre un ruolo importante per scalare posizioni sui motori di ricerca e rendere una pagina web facilmente reperibile ed un marchio riconoscibile.

Uno strumento importante per capire quali siano le tematiche e le keyword più ricercate su internet da sfruttare a proprio vantaggio all’interno di un testo è Google Trends, tool lanciato nel 2006 che offre diverse opzioni per monitorare in maniera molto precisa il traffico online.

Le analisi che vengono proposte si sviluppano infatti su diversi livelli e sono suddivise in sezioni specifiche. Innanzitutto è necessario impostare il paese di interesse, in modo da trovare per esempio la frequenza di utilizzo di un termine esclusivamente in Italia. Le Ricerche di tendenza permettono di avere una visuale sui maggiori trend del giorno o addirittura in tempo reale, funzionalità aggiunta nel 2018. Anche l’area dedicata a Un anno di ricerche può risultare molto stimolante e riservare non poche sorprese in vari ambiti, spaziando fra la classifica dei personaggi famosi più cliccati, dei “perché” più ricorrenti o semplicemente delle parole più cercate.

Per effettuare direttamente delle ricerche, è sufficiente inserire nella barra in home page il termine o l’espressione che interessa e raffinare l’analisi circoscrivendo il lasso di tempo da valutare, la posizione geografica, la categoria e il tipo di servizio utilizzato. In questo modo si ottengono informazioni ben calibrate e utili, che possono dare la giusta idea delle intenzioni di ricerca più diffuse, confrontando anche diversi termini per esaminare i relativi dati e capire in caso di dubbio quale sia l’espressione migliore da utilizzare.

Nella definizione di una strategia di content marketing, ruolo fondamentale ricopre la realizzazione di un preciso e appropriato calendario editoriale per effettuare una messa online efficace. In questa prospettiva un significativo aiuto all’interno di Google Trends proviene dalla rappresentazione grafica dell’Interesse nel tempo, che raffigura i risultati di una ricerca associando un colore diverso ad ogni elemento messo a confronto, in modo da avere una visione chiara ed immediata di volumi di traffico e variazioni nel corso di un certo periodo. Si possono così prendere decisioni sia su argomenti e parole da utilizzare che sulle tempistiche di pubblicazione maggiormente adatte, concentrando l’attività nei momenti di picco delle ricerche, per esempio in concomitanza con il fine settimana oppure con il passaggio da una stagione all’altra.

Valutando con attenzione sia le analisi e le fluttuazioni passate che quelle più recenti si riescono ad elaborare affidabili stime sui futuri trend, che possono essere impiegate per la stesura di testi che non esauriscano la loro forza di attrazione nel giro di poco tempo, ma che continuino a generare interesse e traffico sul lungo periodo.

Inoltre, affinché Google apprezzi i testi redatti e ne migliori l’indicizzazione  è consigliabile incrementare la pertinenza di tematiche promozionali con argomenti e parole chiave specifiche, inserendo per esempio una connotazione geografica attraverso riferimenti a singole regioni italiane per approfittare di una nicchia di interesse che può rivelarsi estremamente ricettiva.

Dopo aver fatto un po’ di pratica, Google Trends diventerà un mezzo insostituibile per tenersi costantemente aggiornati sulle abitudini di ricerca degli utenti, elemento fondamentale nella realizzazione di una strategia di lavoro incisiva e di contenuti rilevanti.

  • Tutti14
  • Digital marketing3
  • Social media marketing3
  • Branding2
  • Website & E-Commerce9
  • SEM-SEO-SEA10
  • Link Building3

  • Tutti14
  • Website & E-Commerce9
  • Digital marketing3
  • Link Building3
  • Branding2
  • Social media marketing3
  • SEM-SEO-SEA10