Truffe di Natale: un regalo su tre è contraffatto

Truffe-di-Natale-un-regalo-su-tre-è-contraffatto-keyformat

Un terzo dei regali è falso, è questa l’amara scoperta per tutti i consumatori che han comprato pensieri e doni per i propri cari in vista della festa più attesa dell’anno. A mostrare il lato oscuro dello shopping natalizio è la nuova ricerca di MarkMonitor, nata per valutare il comportamento nei confronti dello shopping online, dell’acquisto di prodotti contraffatti e del ruolo dei brand. Secondo la ricerca il 30% dei prodotti comprati sarebbero infatti contraffatti, e ben il 68% di questi sarebbero stati acquistati proprio sotto Natale. L’indagine è stata condotta in collaborazione con Vitreous World, società indipendente specializzata in ricerche di mercato, su un campione di 2.600 adulti intervistati provenienti da cinque Paesi: Regno Unito, Stati Uniti, Francia, Germania e Italia.

Paure e preoccupazioni.

La paura delle frodi online e dei falsi è sempre presente, in particolare durante la stagione festiva. Il 45% dei consumatori infatti teme di acquistare prodotti falsi come regalo di Natale, il 46% è preoccupato di utilizzare la propria carta di credito online e il 53% non acquista tramite i social media. I risultati mostrano che, nonostante non tutti gli acquisti di Natale vengano fatti online, i consumatori spendono la maggior parte del loro denaro online (sui marketplace 37% e sui siti ufficiali dei brand 17%), mentre il 38% spende la maggior parte del proprio budget di Natale nei negozi fisici. I consumatori, inoltre, hanno dimostrato un maggior livello di consapevolezza in termini di sicurezza quando effettuano acquisti sui marketplace online (88%), tramite i link nei risultati di ricerca (63%) e sulle app degli smartphone (59%). Paradossalmente, i consumatori che acquistano inconsapevolmente prodotti contraffatti lo hanno fatto proprio sui marketplace (26%), tramite app su smartphone (17%), dai risultati dei motori di ricerca (13%) e post sponsorizzati sui social media (11%). Ciò si verifica a dispetto del fatto che molti canali, come ad esempio i marketplace, abbiano in atto programmi per mitigare il rischio di vendita di prodotti contraffatti. «I consumatori stanno diventando più accorti nel loro comportamento d’acquisto online, tuttavia non è ancora abbastanza. Sono tuttora vittime dei contraffattori, vengono ingannati e indotti a comprare prodotti falsi. Sempre più spesso guardano ai brand come guida e protezione, ed è di fondamentale importanza che i brand si assicurino di fare tutto il possibile per proteggere i consumatori, non solo a Natale ma durante tutto l’anno» afferma Chrissie Jamieson, Vice President Marketing di MarkMonitor. I doveri dei brand La ricerca mostra inoltre che la maggioranza (88%) dei consumatori che sono stati truffati dai contraffattori crede che i brand dovrebbero fare di più per proteggerli. «Gli acquirenti stanno spendendo sempre più soldi online, il che aumenta il rischio di frodi o di comprare inavvertitamente un prodotto contraffatto. Questo mette in evidenza la natura onnicomprensiva della protezione del brand attraverso tutti i canali, anche quelli ritenuti più affidabili dai consumatori. In definitiva, non si tratta solo dei brand e di proteggere la propria reputazione e i propri guadagni, né si tratta di evitare che i consumatori abbiano problemi o perdano il proprio denaro. Molti prodotti contraffatti, di elettronica, cosmetica e perfino giocattoli, rappresentano infatti un enorme rischio per la salute fisica e il benessere dei consumatori» aggiunge infine Jamieson.

Related Blogs

Lo-State-of-Marketing-Report-di-Salesforce-arriva-alla-quinta-edizione-keyformat
Posted by admin | 27 febbraio 2019
Lo State of Marketing Report di Salesforce arriva alla quinta edizione
Salesforce rilascia lo State of Marketing Report, il suo studio nato per indagare lo stato di salute del marketing e le prossime tendenze a riguardo. Attualmente il marketing è uno...
La-Piramide-di-Maslow-del-tech-per-gli-italiani-keyformat
Posted by admin | 22 febbraio 2019
La Piramide di Maslow del tech per gli italiani
In psicologia esiste una rappresentazione schematica chiamata Piramide di Maslow che raffigura quella che è la gerarchia dei bisogni umani. Alla base ha, infatti, quelli primari, ovvero quelli fisiologici, arrivando, in cima...
stripe-payment-keyformat
Posted by admin | 1 febbraio 2019
Stripe: una suite per migliorare la UX nei pagamenti e rendersi internazionali
Anche in un mondo globalizzato come quello attuale, ogni Stato ha usi e costumi assestanti quando si tratta di tecnologia: insomma, Paese che vai, Sotware che trovi, in particolare per...